La politica senza Noi
9,00 €
5,4 €
     
SINTESI
Il centocinquantesimo anniversario dell’unità d’Italia offre l’occasione per una riflessione approfondita e possibilmente libera da pregiudizi e stereotipi sulla ritrosia degli italiani – e, più in generale, degli occidentali – a pensarsi e ad agire come comunità, nazione, Noi. È ancora possibile, nell’epoca della globalizzazione, dialogare con mondi altri, apprezzandone le differenze di linguaggio e mentalità ma disdegnando la propria comunità e la propria cultura? Perché è così facile, in politica, invocare spesso l’Io ma riesce così difficile riconoscersi nel Noi? Le risposte a tali interrogativi sono da ricercarsi nella paura che l’Occidente ha di se stesso, paura che è alla radice dell’odierno malessere sociale e che trova le sue ragioni storiche nell’incessante declino, in atto sin dagli albori della modernità, di tutti i tipi di Noi, dalla famiglia alla nazione.
pagine: 136
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3924-3
data pubblicazione: Marzo 2011
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto