Economia della felicità o dell’infelicità
23,00 €
     
SINTESI
Nella società capitalistica più aumenta il prezzo dei beni capitali, meno felicità o giustizia sociale si crea. In ogni tempo le bolle immobiliari scatenano crisi economico-finanziarie che rendono più iniqua la distribuzione della ricchezza. La tradizionale metodologia estimativa, basata sulla matri-ce teorica neoclassica, determina i “più probabili” giudizi di stima in senso statistico-matematico, ma non esprime giudizi di valore incorporanti principi etici e norme estetiche. In un’economia finanziarizzata, dimentica del bene comune o sociale, bisogna ritornare al “giusto prezzo”, altrimenti il disordine e l’ingovernabilità dei mercati dei capitali accrescono l’infelicità umana. Questo libro presenta una sistematica analisi critica della teoria delle valutazioni, supportata da un’inconsueta, ma strategica e preziosa, appendice intitolata Il processo di capitalizzazione e da un’importante appendice documentale che mette a nudo la fragilità del paradigma serpieriano. Nel segno della croce, ché la scienza da sola non ce la fa!
pagine: 424
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3873-4
data pubblicazione: Febbraio 2011
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto