Venator equus
9,00 €
     
SINTESI
Nelle grandi civiltà urbane del vicino Oriente e nel mondo greco-romano la caccia rappresenta, nei ceti dominanti, un motivo di distinzione sociale, dati i requisiti economici necessari alla sua pratica, e diventa chiara connotazione di status: attività ludico-sportiva o agonistico-ricreativa, intesa spesso come una forma di paideia e di preparazione fisica e mentale alla guerra. Ben diversa è invece la caccia dei “poveri” che ha luogo a piedi, con cani, reti e “insidie” varie: ancora finalizzata all’appropriazione alimentare, è intesa come una forma “minore”, concessa, e anzi demandata, alla popolazione dei dipendenti rurali o dei piccoli e minimi proprietari.
pagine: 160
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3865-9
data pubblicazione: Marzo 2011
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto