Memoria, assenza, immagine
Saggio sull’arte e i luoghi di memoria nel mondo antico
3,00 €
     
SINTESI
Nessuno di noi oggi è immediatamente portato a riconoscere alla memoria quel ruolo di custode di un tesoro straordinario che pure, in epoche precedenti l’invenzione della stampa, a essa frequentemente veniva accordato. Tale immagine della memoria è divenuta per noi inusuale e questo ha segnato il solco tra la nostra epoca e le generazioni passate. Può allora non apparire sconsiderato il celebre giudizio di Platone, espresso nel Fedro, secondo cui l’invenzione della scrittura sarebbe la causa per gli uomini di una progressiva perdita di memoria: essi, fidi del testo scritto piuttosto che di se stessi e delle capacità della loro mente, avrebbero progressivamente trovato nella scrittura un mezzo per delegare “ad altro” le proprie responsabilità. La validità di questo “mythos filosofico” si è rivelata dopo secoli; oggi più che mai, infatti, la memoria della società coincide, in tutto o in parte, con quella dei nostri computer. Di fronte a questa platonica “perdita di identità” il compito di questo saggio è duplice: ripercorrere un iter retorico-filosofico che ha per oggetto le facoltà della memoria (sia essa “naturale” o piuttosto “artificiale”) e chiarire quali legami esistano tra questa tecnica del pensiero e il soggetto, inteso nella sua accezione più ampia.
pagine: 84
formato: digitale
ISBN: 978-88-548-3862-8
data pubblicazione: Marzo 2011
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto