“La malattia per la morte” di Kierkegaard
10,00 €
6,00 €
     
SINTESI
La malattia per la morte, un’opera pubblicata nel 1849 da Kierkegaard sotto lo pseudonimo di Anti–Climacus, è uno degli scritti più celebri e decisivi del filosofo danese. In essa viene svolta un’analisi lucidissima e spietata dell’uomo, della sua “struttura” psicologica e morale, e del suo rapporto con Dio. L’opera costituisce un trattato di “psicologia cristiana”, nel quale la natura umana è vista soprattutto alla luce di quella malattia dello spirito che è la disperazione, ovvero la “malattia per la morte”. Questo Commento affronta il non facile compito di presentare in modo unitario quest’opera kierkegaardiana che molto ha influenzato la filosofia del Novecento, sia religiosa che laica, e di chiarificare, per quanto possibile, ed evitando il pericolo della banalizzazione, quella via che Kierkegaard ci ha esortato a percorrere per fare di noi stessi un “sé”, dunque i primi responsabili della nostra propria cura.
pagine: 140
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3621-1
data pubblicazione: Novembre 2010
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto