Repubblicani senza Bush
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Nell’autunno del 2010 negli Stati Uniti verranno eletti 37 senatori e 19 governatori. Sono le cosiddette elezioni di mid-term. Il successo di Obama nel 2008 è stato l’espressione della volontà della maggioranza degli Americani di rompere con il passato, di liquidare l’eredità di Bush, di uscire dalla crisi economica. Le elezioni di mid-term trascendono, perciò, l’importanza delle posizioni da assegnare. Saranno la verifica del rapporto di forza fra i due grandi partiti e del loro peso nella società americana. Secondo il Partito Repubblicano questi due anni hanno evidenziato il fallimento di Obama e della sua politica. Il GOP (Grand Old Party, Gran Vecchio Partito) attende questa scadenza come l’inizio della rivincita. Convinto della prevalenza conservatrice della società americana, esso cerca di individuare la personalità che sappia efficacemente comunicare il messaggio repubblicano e riconquistare la Casa Bianca nel 2012. Nel quadro storico del conservatorismo americano, questo libro esamina la riflessione in corso nel Partito Repubblicano e le prospettive di ripresa, delineando le personalità repubblicane che presumibilmente si contenderanno la nomination per le presidenziali del 2012.
pagine: 272
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3573-3
data pubblicazione: Ottobre 2010
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto