Realtà e apparenza nel teatro di Jean Genet
9,00 €
     
SINTESI
Jean Genet può essere considerato come l’ultimo drammaturgo di una generazione letteraria francese e uno degli scrittori più tradizionalmente ribelli e più profondamente innovatori. I suoi drammi esaltano l’illusione teatrale, ma forse ne mostrano anche la miseria; riflettono sul teatro coi mezzi del teatro per concludere inevitabilmente con la glorificazione della sua irreltà.Questo saggio ripercorre e analizza la sostanza visionaria e allucinata dell’universo drammaturgico genettiano cercando di fare luce sui paradossi che il ‘caso Genet’ sottopone all’attenzione del lettore, l’ambiguità, l’incessante metamorfosi, i giochi dell’immagine e dei suoi infiniti riflessi, le atmosfere oniriche. Il rapporto fra realtà e apparenza attraversa tutte le sue pièces e si risolve in un superamento dei rispettivi limiti di queste nozioni, sotto il segno della differenza, che ha caratterizzato la vita e le opere di questo scrittore e che, alla fine del suo percorso, apre nuove e stimolanti prospettive.
pagine: 108
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3492-7
data pubblicazione: Dicembre 2010
editore: Aracne
collana: Lettere francesi | 13
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto