Economia della vita, della scienza e della fede
Il muschio che manca(va)
66,00 €
     
SINTESI
Il 18 dicembre 2004 un’onda mi ha sbattuto contro uno scoglio nelle acque dello Ionio, facendomi correre un grave pericolo. L’evento ha originato questo libro, eco del Vangelo di Dio e della storia umana. Vita, scienza e fede si ispirano alla Bibbia. L’apertura e(ste)tica alla vita crea ricchezza personale e sociale, purché i valori e(ste)tici siano endogeni alla scienza del valore. La fede nel Dio-con-noi e la fiducia umana rigenerano l’economia dell’amore. Il rapporto socio-ecologico tra gli uomini e la natura deve incentrarsi sulla dignità, sulla libertà e sulla felicità. Leggi scientifiche e principi religiosi sono frutto di una libera creazione della mente e del cuore, per cui le realtà visibili e in-visibili, naturali e soprannaturali si trasformano nella conoscenza u-mana o divina dell’Amore. L’economia, mediatrice di felicità, è per l’uomo, non viceversa, pena la (de)generazione economico-finanziaria. La narrazione, impreziosita dalla nuova economia, illumina la tras-informazione (di persone, idee e cose) e vince la “scienza triste”, attingendo all’“economia della salvezza”. Senza incredulità e intrigato da enigmi e sincronicità, preso dalla malia dell’opera, il lettore può aprirsi alla Parola di Cristo e alla luce misteriosa e salvifica del Vangelo di Dio rivolto allo sviluppo globale di tutti, senza differenze, di-stinzioni, pregiudizi. Per vedere lontano, non si deve guardare con gli occhi, ma con il cuore.
pagine: 1424
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3477-4
data pubblicazione: Settembre 2010
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto