Il petrolio e la paura
Popolazioni, spazio e altra economia nelle aree a rischio siciliane
10,00 €
6,00 €
     
SINTESI
Nel corso degli anni Cinquanta la Sicilia aderì con estrema convinzione al mito e alla “narrazione industriale” portati avanti da personaggi come Matteis e i teorici dello sviluppo. In brevissimo tempo l’isola prese a ospitare un’impressionante concentrazione di poli petrolchimici che avrebbero dovuto impiegare migliaia di ex contadini e portare finalmente la modernità nell’area. A distanza di sessant’anni gli effetti del processo di modernizzazione appaiono evidenti: disoccupazione, malattie da industrializzazione, paura, devastazione ambientale e sottrazione dei territori costituiscono la reale faccia del sogno di progresso. Questo studio qualitativo, realizzato nell’ambito di un progetto di ricerca dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, affronta il tema delle paure e delle aspirazioni dei residenti nelle aree a rischio della regione Sicilia alla luce dei fallimenti del corrente modello di sviluppo.
pagine: 128
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3463-7
data pubblicazione: Gennaio 2000
editore: Aracne
collana: Collana del Centro Interuniversitario per le Ricerche sulla Sociologia del Diritto, dell’Informazione e delle Istituzioni Giuridiche (CIRSDIG) | 2
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto