Il cristianesimo da culto proibito a religione dell’impero romano
La nascita del potere della chiesa nel IV sec. d.C.
27,00 €
16,2 €
     
SINTESI
Nel 313 quando fu emanato l’editto di Costantino, i cristiani costituivano non più del 10% della popolazione dell’impero romano. Alla fine del IV secolo, mentre la chiesa acquisiva autorità e potere grazie all’appoggio degli imperatori, i cristiani erano la grande maggioranza ed occupavano posizioni di rilievo in ambito amministrativo, politico e militare. Come riuscì un gruppo, per quanto coeso e battagliero, a raggiungere in meno di settant’anni una posizione di egemonia e poi di assoluto predominio? Perché i cristiani, dimenticando le persecuzioni subite, cominciarono a perseguitare eretici, ebrei e pagani? Cosa indusse Costantino a scommettere sulla minoranza cristiana? In che cosa l’impero ormai cristiano fu realmente diverso da quello pagano? Senza la pretesa di percorrere sentieri inesplorati, viene analizzata l’evoluzione dei rapporti tra chiesa e impero romano nel IV secolo, mediante l’esame di legislazione dinamiche sociali, costumi, liturgie, ideologia e cultura. Al lettore la valutazione di quanto ancora oggi tali equilibri continuino a pesare nei rapporti tra chiesa e stato.
pagine: 456
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3432-3
data pubblicazione: Settembre 2010
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto