Sovversivi e squadristi
20,00 €
12,00 €
     
SINTESI
«Non si tratta di sottovalutare o depredare il significato unico che assunse la guerra civile, combattuta durante la Resistenza, come ha ben dimostrato Claudio Pavone. Si tratta, piuttosto, di recuperare, attraverso la memoria, i documenti pubblici e privati, le testimonianze e gli atti processuali, la stampa coeva e le relazioni prefettizie… le radici non solo politiche o economiche, ma anche psicologiche, familiari e sociali dell’avvento del fascismo». È quanto Sacchetti si propone di fare in questo testo che, sulla base di precedenti e documentate indagini, recupera il concetto di guerra civile “inteso come nesso imprescindibile fra il conflitto aperto nel 1919 - 1922 e la Resistenza”. Un nesso che, nel nostro caso, non si saldò solo sulla memoria dei protagonisti e alimentò quella della successive generazioni; ma che riposa sulle scelte che quegli uomini fecero negli anni successivi, a difesa della libertà e contro il regime fascista» (Fabio Fabbri)Giorgio Sacchetti, dottore di ricerca in Storia del movimento sindacale. Ricercatore presso la Fondazione L. Salvatorelli (2007), svolge attività didattica nelle università di Trieste e di Padova. Di recente ha pubblicato: Attilio Sassi detto Bestione. Autobiografia di un sindacalista libertario (1876-1957), Zero in condotta; Macchinista ferroviere. Il giornalismo sindacale di categoria in Italia durante la guerra europea (1914-1918), Aracne.
pagine: 324
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3413-2
data pubblicazione: Luglio 2010
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto