I volti dell'amore
Pluralità e intertestualità nel De amore di Andrea Cappellano
15,00 €
9,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Il De amore si rivela un’opera innovativa non circoscritta alla speculazione sull’amore di Dio ma aperta in maniera “avventurosa” allo spazio psico-fisico e morale della passione terrena. Amore profano e amore sacro si susseguono nel trattato suggerendo un archetipo di dualismo che non perviene a soluzioni di unitarietà. Ci si riferisce a una quaestio che diviene più urgente nel XII secolo, quando presso la scuola di Chartres si teorizza un nuovo rapporto armonico tra anima e corpo e al contempo fioriscono quei trattati cristiani che “deificano l’uomo” e rivalutano la sua natura terrestre e “finita”. Una “filosofia dell’amore”, problematica e irrisolta, che si trascina attraverso i secoli sino alla contemporaneità. Si comprende così, in questo studio, la continuità del Medioevo nella civiltà occidentale e la portata attuale del Tractatus del cappellano francese, in cui la quaestio amoris resta dubbiosa come la determinatio che conclude l’opera.
pagine: 224
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3404-0
data pubblicazione: Luglio 2010
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto