Immigrati e religioni
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Il Dossier Caritas/Migrantes del 2009 stima che in Italia siano immigrati circa 1.300.000 musulmani, 1.100.000 ortodossi, 740.000 cattolici, 120.000 protestanti, 50.000 cristiani di altre confessioni, 215.000 appartenenti ad altre religioni o movimenti. L’immigrazione sta quindi modificando il quadro religioso dell’Italia. Alimenta la crescita di religioni non-cristiane, modifica i rapporti fra le varie confessioni cristiane, costringe la Chiesa cattolica a confrontarsi con persone che vivono la medesima fede con sensibilità diverse. L’Italia sperimenta una ripresa religiosa indotta dall’immigrazione nello stesso momento in cui la sua popolazione è attraversata da una secolarizzazione spinta. L’immigrazione, dunque, ridisegna la mappa delle religioni, ma le religioni incidono sui percorsi di inserimento degli immigrati, in quanto fattore di conservazione/trasformazione dell’identità e di conflitto/cooperazione con gli autoctoni. Questo volume analizza il caso del Friuli Venezia Giulia, dove gli immigrati costituiscono già l’8% dell’intera popolazione, visto dalla parte dei leader religiosi. Per ogni comunità religiosa è stato costruito un medaglione descrittivo e sono riportati attività svolta e problemi incontrati.
pagine: 224
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3370-8
data pubblicazione: Giugno 2010
editore: Aracne
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto