Avrei voluto capire la matematica
12,00 €
7,2 €
     
SINTESI
Esistono persone che trovano la matematica divertente. Il restante novantanove per cento dell’umanità guarda costoro con sospetto e si chiede come ciò sia possibile. Questo libro prova a spiegarlo ai perplessi e ai curiosi, ai terrorizzati e ai diffidenti, raccontando una matematica viva, concreta, umana. Shakespeare, Neruda, i tassisti brasiliani, la lista della spesa, il viaggio di Ruhna, la storia di Loreley. Che cosa c’entrano con la matematica? È proprio vero che Isaac Newton sarebbe bocciato ad un esame universitario? Chi è il professore senza registro? Perché a due anni siamo tutti scienziati? E come fa Beckham a tirare le punizioni a effetto? Insegnare significa prima di tutto trasmettere passione. Ma per farlo, bisogna imparare a volersi bene: non c’è insegnamento senza emozione, rispetto, allegria. Un altro mondo? Forse, ma possiamo sempre imparare.
pagine: 248
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3369-2
data pubblicazione: Giugno 2010
editore: Aracne
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto