Antonin Artaud
Percorsi antropologici dal teatro della crudeltà ai teatri delle diversità
13,00 €
     
SINTESI
L'Autore propone un percorso di riflessione ponendo al centro la nozione antropologica di alterità, individuando nel confronto con l'altro il nucleo esistenziale e artistico del percorso stesso di Artaud, che si confronta e si scontra per tutta la sua vita con l'altro, che diviene scopo e obiettivo del suo esistere. L'ipotesi finale è che Artaud sia veramente attuale e vivo solo in quelle esperienze teatrali in cui la diversità dei partecipanti è la condizione sine qua non dell'evento finale da realizzare. È il teatro del margine, della liminalità, della festa interculturale delle diversità. Artaud è guida in questo cammino con il grido e la carezza, è l'opportunità di dare voce a coloro a cui non è stata mai data voce, ma è anche la possibilità per qualunque persona di mettersi in gioco con la propria specifica e peculiare diversità, senza paura di essere giudicata ed emarginata.Giovanni Sansone è nato a Roma nel 1965. È laureato in Etnologia, con un ampio bagaglio di studi in etnopsichiatria, antropologia culturale, storia e metodologie del teatro e del cinema, animazione socio-culturale. Attore e regista di teatro e di cinema, collabora attivamente da oltre Vent'anni con l'Associazione Volontari "Il Cavallo Bianco" di Roma, è tra i soci fondatori della Cooperativa Sociale Integrata "Matrioska" e direttore responsabile del Contact Center Integrato SuperAbile-INAIL.
pagine: 188
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3329-6
data pubblicazione: Giugno 2010
editore: Aracne
collana: Psicologia clinica e psicoterapia | 3
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto