Rappresentare Medea
Dal mito al nichilismo
12,00 €
7,2 €
     
SINTESI
Ancora oggi la figura di Medea continua a far parlare di sé, sui palcoscenici di tutto il mondo e nella cronaca nera. Come la Gioconda, la sua immagine si è impressa in maniera indelebile nell’immaginario collettivo, innescando un processo irreversibile di imitazioni e interpretazioni. Ma chi è veramente Medea? Alla luce delle sue molteplici incarnazioni è difficile da comprendere, anche perché ciascuna di esse ha vissuto e vive una propria storia, costituendosi come l’epicentro di una costellazione autonoma di significati. Nell’illustrare le tappe fondamentali della fenomenologia di Medea dall’antichità ai nostri giorni, la monografia prova a ricostruire le ragioni segrete per cui questo mito si è radicato così profondamente nel tessuto culturale dell’Occidente. E lo fa da una prospettiva originale, che distingue il mito dalla rappresentazione tragica, scoprendo in essa un vulnus insopprimibile della mentalità e della morale: il nichilismo. Attraverso un’analisi comparata di testi scelti, il libro guiderà il lettore alla scoperta del perché e in quale misura Medea possa considerarsi la progenitrice di questa amorfa Weltanschauung che permea non solo il «tempo degli dèi fuggiti», ma l’intera storia dell’uomo.
pagine: 132
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3256-5
data pubblicazione: Maggio 2010
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto