Questione meridionale o dis-unità nazionale: un ritorno al futuro
24,00 €
     
SINTESI
L’economia della povertà rivela la povertà dell’economia. Chi non sconta gli errori rischia il fallimento e scarica scorrettamente sugli altri le sue colpe, trasformandole in tare ereditarie. Mentre i sistemi fabbrica–mercato chiudono e aumentano i disoccupati, non poche banche, responsabili della crisi economico–finanziaria, ab–us(ur)ano (dei) profitti: riversano le rendite soprattutto nelle tasche dei dirigenti quali forme non dovute di bonus esponenziali; contemporaneamente riducono il credito alle medio–piccole imprese costringendole a chiudere e a licenziare lavoratori, e ammorbando l’economia. La loro deriva finanziaria, etica e istituzionale genera una tormenta o valanga che precipita rovinosamente e ingiustamente sui poveri e sul Sud dei Paesi. S’aggrava anche il sottosviluppo del Mezzogiorno d’Italia causato inizialmente dalla politica economica, monetaria e fiscale post–unitaria. La decadenza e(ste)tico–artistica, linguistica, architettonico–ambientale e storico–archeologica porta all’indifferenza etica, alla repulsione sociale e alla dis–unità nazionale.Francesco Rizzo lavora all’Università di Catania. È autore, per i tipi della FrancoAngeli, di: La dinamica dei capitali (20062); Economia del patrimonio architettonico–ambientale (20094); Il valore dei valori (20032); Valore e valutazioni (20094); Dalla rivoluzione keynesiana alla nuova economia (2002); Il capitale sociale della città (2003); Etica dei valori economici o economia dei valori etici (2004); Un’economia della speranza per la città multi–etnica (2007). Per Aracne editrice ha pubblicato La città. Traccia storica, analisi teorica e di–segno profetico (2009).
pagine: 460
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3234-3
data pubblicazione: Marzo 2010
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto