L’incapacità invalicabile della parola
9,00 €
5,4 €
     
SINTESI
Per me povero mimo trasognatoin cerca di gestotu sia colore… Questo parco libro riunisce versi scritti negli ultimi sei anni filtrati attraverso la lente di autori come Gross­man, Magrelli, Matvejevic´, Montale, Magris, Nigro, Pessoa. Si delinea una poetica che incalza verso l’ambiguità e l’inefficacia della parola, la quale avanza metaforicamente, supplichevole d’aiuto, verso la società circense dei mimi. La raccolta contempla i miti ormai “sporchi”: dalla Parola all’Eterna Giovinezza, al Mediterraneo “pseudoaccogliente”, all’Amore Ineffabile, dall’Illusione di un’Antica Filologia Democratica ai Provincialismi Metropolitani. L’incapacità della parola, che diventa sempre più slang e dai toni alla Facebook, è sintomo di linguaggi tanto più comunicativi quanto impenetrabili.
pagine: 124
formato: 10 x 17
ISBN: 978-88-548-3231-2
data pubblicazione: Maggio 2010
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto