Incredibili fatti nelle scuole di Stato e l’impotenza puntuale delle riforme
8,4 €
     
SINTESI
L’opera nasce dal profondo rammarico e dallo sdegno per la grave condizione in cui, da molti decenni, versano la scuola e l’università in Italia. Non si negano già le eccezioni, peraltro non numerose, che indubbiamente confermano l’asserita grave condizione. I fatti non episodici parzialmente riferiti ne sono ampia testimonianza. Le riforme che giungono dalla Capitale non toccano se non in minima parte le cause molteplici e profonde dei mali che hanno radici lontane e non facili da estirpare in tempi brevi: insegnanti che non conoscono la materia e non possiedono cognizioni metodologiche e didattiche; programmi estesi e materie in gran numero; introduzione di schede di valutazione e di quiz non idonei ad accertare la preparazione e i meriti degli studenti. Le clamorose bocciature ai pubblici concorsi di migliaia di giovani laureati sono un fatto allarmante. Di qui l’improcrastinabile necessità di affrontare il problema dell’istruzione in Italia, con provvedimenti veramente adeguati ai pressanti bisogni, rimanendo sordi alle prevedibili proteste.
pagine: 200
formato: digitale
ISBN: 978-88-548-3177-3
data pubblicazione: Aprile 2010
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto