La dark lady nel cinema noir
Hollywood 1941-1958
22,00 €
     
SINTESI
Lo Zeitgeist americano degli anni Quaranta, condizionato dal conflitto bellico, dallo scardinamento dell’istituzione familiare tradizionale, dall’ingresso della donna come protagonista nel mondo del lavoro e della cultura, trova espressione nel senso di “presentificazione” e alienazione filtrato dalle oltre duecentocinquanta pellicole noir del filone classico e, soprattutto, nella consacrazione della dark lady. Lo studio di quest’ultima, attraverso l’analisi di numerose pellicole noir e l’impiego di comparazioni con produzioni filmiche precedenti e successive, ha come obiettivo l’interpretazione dei suoi significati cinematografici, sociali, storici e psicologici. Dall’esame della figura della dark lady in tanti suoi aspetti (linguaggio, abbigliamento, décor, modus operandi, diverse tipologie esistenti di femme fatale) emergono elementi essenziali per la conoscenza della cultura e degli stili di vita nell’America del periodo.Prefazione di Gianluigi Simonetti.Pamela Fiorenza nasce a L’Aquila il 16 luglio 1984. Nel 2007 ottiene il diploma di Grafico Creativo presso l’Organismo di Formazione Professionale Informatica 2000. Il 27 luglio 2009 consegue la laurea magistrale presso l’Università degli Studi dell’Aquila dove continua a occuparsi di problemi di storia del cinema e di estetica cinematografica. Ha pubblicato saggi su riviste scientifiche e letterarie come «Contemporanea».
pagine: 360
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-3133-9
data pubblicazione: Marzo 2010
editore: Aracne
collana: Cinema ed estetica cinematografica | 4
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto