La grande avventura di essere me stessa
Una rilettura di Simone de Beauvoir
13,00 €
7,8 €
     
SINTESI
La volontà di proporre una rilettura di Simone de Beauvoir nasce dall’esigenza di ripercorrere in chiave attualizzante i punti essenziali della sua produzione letteraria nonché ripensare le complesse, articolate e talvolta contraddittorie categorie da essa elaborate come intellettuale engagée. L’intera opera di Simone de Beauvoir può essere letta come un ricco percorso autobiografico che mira a fare luce sui nodi non risolti dell’essere inteso ontologicamente come “libero”, nonché sulle costrizioni imposte in maniera deterministica da una tradizione culturale che si pone come orizzonte finito, limitante e coercitivo. Donna e intellettuale scomoda, ça va sans dire, la nostra Simone, capace di stupire e sorprendere, catalizzatrice di odi feroci e amori incondizionati: sempre presente sulla scena filosofica, letteraria e politica con una presenza tutta sua, capace di fendere l’ottusità della Francia dei suoi tempi e di svelare con penna crudele e sguardo indagatore i misteri dell’esistenza, il non detto, il nascosto, il rimosso. Il suggestivo titolo del volume è tratto da una frase di Beauvoir riportata in data 21 luglio 1929 nei «Cahiers de Jeunesse» 1926-1930 (Paris 2008).
pagine: 184
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-3127-8
data pubblicazione: Marzo 2010
editore: Aracne
collana: Donne nel Novecento | 1
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto