Pensiero e giustizia in Simone Weil
12,00 €
7,2 €
     
SINTESI
Questo libro è costituito dagli interventi di studiosi e studiose del pensiero di Simone Weil, in seguito al Convegno organizzato il 7-8 maggio 2009 presso l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli in occasione del centenario della nascita di Simone Weil. Pensiero è ciò che ci consente di andare controcorrente, di scalfire il circolo vizioso delle cose automatiche che sembrano andare da sé: il pensare non è mai per la Weil qualcosa che nasce dalla collettività ma è ciò che riguarda nell’intimo l’essere umano nella sua nudità. Il nesso tra nudità e verità è fondamentale per capire come sbarazzarci di tutto ciò che ci “esonera” dal pensare. Il problema della giustizia, invece, è quello di dover far fronte a forze che non si bilanciano mai, a pesi che non possono mai essere equiparati. Come arrivare a una giustizia piena nell’ineguaglianza di forze, interessi, poteri? I saggi qui raccolti analizzano con rigore queste due parole chiave del pensiero weiliano, inaugurando un passaggio imprescindibile da un’etica del riconoscimento a un’etica dell’attenzione, dal momento che l’attenzione è possibile solo quando si è rigettata radicalmente la dimensione della forza.
pagine: 172
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2974-9
data pubblicazione: Dicembre 2009
editore: Aracne
collana: Donne nel Novecento | 4
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto