E-learning
Apprendimento e internet dopo lo sboom della new economy
15,00 €
9,00 €
Giulio Marini
Prefazione di Fernando Sarracino
Postfazione di Andrea Pitasi
     
SINTESI
Non vedere nelle possibilità di sviluppo delle “nuove” tecnologie (ancora per quanto le chiameremo nuove?!) alcun limite è stato uno dei più grandi problemi delle sorti dell’e-learning. Lo sboom della new economy prima, e l’attuale crisi globale adesso, hanno inferto un duro colpo all’attenzione nei confronti dell’e-learning. Soltanto negli ultimi tempi pare che si riesca a calibrare opportunamente l’attenzione sul connubio formazione-ICT, superando l’antinomia reale vs. virtuale che ormai appare fuorviante. Passare da ottimismi e proiezioni iperboliche a pessimismi e chiusure non tiene conto dei fattori che concretamente – come i casi riportati dimostrano – permettono di avere un “ritorno nell’investimento in apprendimento” apprezzabili. Partendo da una presa di posizione netta a favore di approcci formativi costruttisti e da posizioni contrarie a ogni determinismo tecnologico (si pensi ai learning objects), questo studio si propone come una sorta di aggiornamento delle pratiche migliori di e-learning riscontrate in Italia, indagando empiricamente il digital divide, l’istruzione secondaria e terziaria, e il knowledge management aziendale, declinando così di volta in volta l’apprendimento svolto su ambienti digitali.
pagine: 232
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2909-1
data pubblicazione: Novembre 2009
editore: Aracne
collana: Teoria dei sistemi e complessità | 6
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto