Cospirazioni e furti nell’Egitto della XX dinastia
27,00 €
     
SINTESI
Questa ricerca è incentrata su episodi sociali nell’Egitto della XX dinastia. Il primo sciopero operaio della storia esplose nella necropoli tebana; una congiura contro il re Ramesse III coinvolse persone di alto rango della Corte con ricorso anche alla magia nera; scandali deplorevoli si produssero nell’isola di Elefantina; furti e saccheggi afflissero la necropoli tebana e qualche santuario regio coinvolgendo persone di tutti i ceti sociali. I documenti dell’epoca fanno affiorare gli istinti più primordiali dei poveri, spinti dalla fame, e le voglie più abbiette dei ricchi, mossi dalla cupidigia di arricchirsi fraudolentemente.Pietro Testa, nato a Napoli nel 1943, è laureato in Architettura e membro dell’Associazione Internazionale degli Egittologi. Ha insegnato per oltre trent’anni nei licei artistici; ha partecipato a numerose missioni con la Cooperazione per i Paesi in Via di Sviluppo nella scuola–cantiere del complesso dei Dervisci Mewlevi al Cairo; è stato presente in una missione archeologica a Medinet Madi in Egitto con la prof.ssa Edda Bresciani. Ha pubblicato con la stessa casa editrice le Abbreviazioni nella Scrittura Geroglifica, Il faraone che fece l’impresa, e L’architettura nella cultura dell’Egitto faraonico (in due volumi).
pagine: 428
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2834-6
data pubblicazione: Dicembre 2009
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto