Maestri futili?
Gabriele D'Annunzio, Carlo Levi, Cesare Pavese, Emanuele Severino
11,00 €
     
SINTESI
Maestri futili? si propone di evidenziare la centralità dell'opera di Gabriele D'Annunzio, Carlo Levi, Cesare Pavese ed Emanuele Severino nel panorama culturale italiano del Novecento e contemporaneo. Occupandosi di alcuni importanti scritti in prosa ed in poesia del Vate e di Carlo Levi, Sperduto mette in risalto la sorprendente vicinanza-lontananza che li contraddistingue — e che coinvolge anche G. Leopardi. Inoltre, scandagliando i temi principali del pensiero severiniano, si appura che essi possono a loro volta essere accostati alle riflessioni leviane in merito al concetto ambiguo di "futilità". E proprio la tematica della futilità ha assillato Cesare Pavese che, dicendo addio alla futilità della vita, ha in tal modo rinunciato all'unica ancora di salvezza a lui disponibile. Questo libro vuole essere un invito a lasciarsi guidare dalla "futilità" di quattro grandi maestri italiani che, per usare un'espressione platonica, andrebbero considerati al contempo venerandi e terribili. Donato Sperduto ha scritto la tragicommedia Vedere senza vedere, prefazione di Emanuele Severino (Schena, 2007). Ha curato il volume Carlo Levi inedito, prefazione di Giovanni Russo (Spes, 2002) e nel libro L'imitazione dell'eterno (Schena, 1998) si è occupato della concezione del tempo da Platone a Campanella. Sperduto ha pubblicato su riviste scientifiche saggi di natura letteraria e filosofica.
pagine: 144
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2697-7
data pubblicazione: Settembre 2009
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto