Nazionalismo e Islam in Cina
8,00 €
4,8 €
     
SINTESI
Dopo il disfacimento dell’Unione Sovietica e la nascita delle repubbliche indipendenti dell’Asia centrale, l’estrema regione occidentale della Cina, lo Xinjiang, ha riscoperto la sua vocazione di “ponte” tra Oriente e Occidente: da area periferica ha assunto un ruolo geostrategico fondamentale in quanto crocevia dei principali oleodotti e gasdotti provenienti dalla Russia e dal Mar Caspio, nonché per la presenza di risorse minerarie e petrolifere necessarie allo sviluppo economico della Cina. Pechino consolida la propria sovranità sull’area affrontando il riacutizzarsi del nazionalismo Uiguri. Il volume analizza la situazione geopolitica che si è venuta a creare nell’area, indagando le ragioni etnico-religiose, economiche e strategiche e le delicate relazioni interne e internazionali.
pagine: 112
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-2652-6
data pubblicazione: Febbraio 2011
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto