Vademecum del cardiologo di guardia
Protocolli diagnostico-terapeutici
18,00 €
10,8 €
     
SINTESI
Il Vademecum del cardiologo di guardia, frutto dell’esperienza dei medici della Clinica Cardiologica e di altre istituzioni dell’Università degli Studi di Padova, è concepito come strumento didattico–assistenziale per gli specializzandi in cardiologia; esso passa in rassegna tutte le principali patologie cardiovascolari e quelle correlate suggerendo le terapie ottimali — aggiornate alle attuali conoscenze ed alle linee guida internazionali — ed il modo più opportuno per somministrarle. Il manuale è, infatti, mezzo di rapida consultazione ed utilizzo, consentendo ai medici che operano nelle utic — ma anche nelle rianimazioni, in cardiochirurgia o nei reparti di medicina d’urgenza e generale — di scegliere e predisporre l’assistenza del caso, in tempi brevi e con la precisione indispensabile, pur garantendo una veduta d’insieme sulla gestione delle emergenze cardiologiche nel loro complesso. Fabio Bellotto, dopo la laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Padova, si è specializzato in Cardiologia ed in Anestesia e rianimazione. Dal 1980 ha lavorato presso la Clinica Cardiologica di Padova, interessandosi prevalentemente di terapia intensiva. Ha ripetutamente soggiornato presso istituti nazionali ed esteri: l’Unità di Cardiologia del Brook Hospital di Londra; la Divisione di Cardiologia dell’Albert Einstein University di New York; la Divisione di Cardiologia del Beth Israel Hospital, Harvard Medical School di Boston; la Cardiologia preventiva e riabilitativa del Massachusetts General Hospital, Harvard Medical School di Boston, la Riabilitazione cardiologica degli Istituti ircs Salvatore Maugeri di Veruno (NO) e Cassano delle Murge (BA). Fellow dell’American College of Cardiology, attualmente dirige la Cardiologia riabilitativa e preventiva dell’Istituto Codivilla Putti di Cortina d’Ampezzo (BL), centro convenzionato con l’Università di Padova dove tutt’ora è docente con la qualifica di professore aggregato. Gianfranco Buja si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Padova nel 1971, nel 1974 ha conseguito il diploma di specializzazione in Malattie cardiovascolari. Ricercatore confermato presso la Cattedra di Cardiologia dal 1980, è professore aggregato di Cardiologia dal 2004 ed è titolare di Insegnamento presso le Scuole di specializzazione di Cardiologia, Cardiochirurgia, Medicina dello Sport. Ha soggiornato in centri di elettrofisiologia: Prof. Haissaguerre – Bordeaux, Prof. Klein-Hannover, Prof. Camm-London. È responsabile dell’uo di Elettrofisiologia e Cardiostimolazione della Clinica cardiologica dell’Azienda Ospedaliera di Padova. I suoi campi di interesse sono: l’elettrofisiologia cardiaca, l’elettrostimolazione, la morte improvvisa, l’aritmologia clinica, la cardiomiopatie aritmogene, la cardiologia dello sport, la terapia cardiologica nonfarmacologica. è autore di circa 300 pubblicazioni in riviste nazionali ed internazionali peer–review.Contributi di Angelo Avogaro, Luciano Babuin, Fabio Bellotto, Michela Bevilacqua, Raffaele Bonato, Gianfranco Buja, Luisa Cacciavillani, Leonida Compostella, Enrico Favaretto, Armando Marzari, Agostino Naso, Vittorio Pengo, Tiziana Setzu.
pagine: 236
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2645-8
data pubblicazione: Settembre 2009
editore: Aracne
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto