Besinnung
22,00 €
13,2 €
     
SINTESI
Quale rapporto sussiste tra fenomenologia e complessità? Come può la fenomenologia, come interrogazione della fenomenicità, rispondere ai problemi sollevati dalla teoria della complessità e, quindi, al mutamento di paradigma delle scienze? La specularità tra il pensiero filosofico e le scienze pone di fronte alla necessità di interrogare radicalmente l’esperienza stessa che l’uomo fa del suo stesso sapere, l’esperienza che l’uomo fa delle manifestazioni del suo stesso sapere. L’interrogazione radicale della fenomenologia si dimostra essere sempre necessariamente aperta alla possibilità secondo cui l’uomo non giunga mai a trovare un senso unitario di tutte quelle manifestazioni che classifica sotto il concetto (troppo spesso ristretto) di sapere. Quest’interrogazione si dimostra essere sempre necessariamente posta di fronte alla necessità di ricostituire, di costruire à nouveau l’unità di senso del sapere (e non l’unità del sapere) a partire dalle sue manifestazioni. Fausto Fraisopi (1977), dottore di ricerca in Filosofia, svolge attività di ricerca presso l’Ecole Normale Supérieure di Parigi (Archives Husserl et Département d’informatique) e collabora con la cattedra di Storia della Filosofia dell’Università di Macerata. Ha pubblicato Adamo sulla sponda del Rubicone. Analogia e dimensione speculativa in Kant (Armando, 2005) e ha curato l’edizione italiana di G.W. Leibniz, Scritti sulla Cina (Quodlibet, 2009). Di prossima pubblicazione De l’ouverture de la vision. Kant et la ‘phénoménologie implicite’ de la Darstellung (Olms, 2009). È inoltre autore di numerosi articoli sulla filosofia trascendentale e sulla fenomenologia.
pagine: 360
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2504-8
data pubblicazione: Settembre 2009
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto