Maschile e femminile nel cinema di Pedro Almodóvar
7,00 €
4,2 €
     
SINTESI
Molti sono i modi in cui si può leggere un grande film, come qualsiasi grande opera d’arte. Hable con ella (Parla con lei, 2001) potrebbe, per esempio, essere visto come un film sul valore della narrazione come risorsa contro l’angoscia della solitudine, della malattia, della morte, della follia. Ma è anche una danza delle antinomie: l’assenza-presenza della vita e della morte, la normalità e la perversione, il confrontarsi e l’interlacciarsi, nella mente umana, dell’identità maschile con quella femminile. Tutti opposti che, lungi dall’escludersi a vicenda, sono in continua tensione dinamica, fino, a volte, a fondersi. Pertanto, anche qui i personaggi almodovariani sono o profondamente conflittuali o del tutto dissociati. Ne Il Postino di Neruda, il protagonista protesta: «La poesia non è di chi l'ha scritta, è di chi gli serve...» e l’affermazione può essere estesa a tutte le produzioni artistiche. Anche questo saggio nasce dalla profonda impressione emotiva suscitata dal film sulle due autrici, che le ha portate a desiderare di approfondire la riflessione sul capolavoro di Almodòvar, ognuna dal suo vertice di osservazione.Francesca Di Lello si è di recente laureata alla Facoltà di Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo (D.A.M.S.), dell’Università degli Studi “Roma Tre”.Emilia Di Lello è psicologa, specializzanda in Psicologia Clinica presso il Dipartimento di Neuroscienze e Scienze del Comportamento dell’Università “Federico II” di Napoli.
pagine: 72
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-2465-2
data pubblicazione: Aprile 2009
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto