Mare negato
Profili e caratteristiche delle devianze pugliesi tra derive e approdi
14,00 €
8,4 €
     
SINTESI
Il titolo del libro, Mare negato, sta ad indicare la estraniazione dal mare degli abitanti della città di Bari ed evidenzia come l’inconscio collettivo ne abbia progressivamente negato l’esistenza. Da quando gli abitanti hanno reciso questo legame primario, anche attraverso scelte urbanistiche caratterizzate dalla elevazione di barriere architettoniche, la città si è ripiegata su se stessa. Così nella fragilità identificatoria si è insinuato progressivamente il pensare e sentire mafioso con l’arruolamento dei giovani ed adulti nel circuito della criminalità organizzata. Adottando il modulo della ricerca-azione, i coautori del testo affrontano le problematiche connesse con la cultura mafiosa in Puglia, seguendo un pensiero utopico ma realistico: quello della sperimentazione di percorsi preventivi che, vincendo il sentimento di impotenza, la passivizzazione o il vissuto di rassegnazione di fronte all’imporsi dei così detti poteri forti, traccia percorsi alternativi di cambiamento, aprendo uno spiraglio di speranza su possibili orizzonti di rinnovamento in contesti dove si pensa che i giochi si siano pietrificati indelebilmente.
pagine: 204
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2404-1
data pubblicazione: Marzo 2009
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto