Guido da Verona romanziere
Il contesto politico-letterario, i temi, il destino
45,00 €
     
SINTESI
A settant’anni da una morte ancora parzialmente avvolta nel mistero, Guido da Verona rimane il caso piú eclatante di romanziere italiano vittima di un inflessibile ostracismo critico-storiografico postumo, dettato da ragioni assai piú politiche che letterarie. Un critico severo come Luigi Russo, nel suo celebre I narratori del 1923, dedicava invece all’autore di Mimi Bluette uno spazio e un interesse inferiori solo a quelli riservati a Pirandello, ed è innegabile che da Verona, nel primo quarto del Novecento, sia stato lo scrittore di gran lunga piú letto ed amato da una borghesia colta che oggi sarebbe troppo facile condannare come illetterata ed incompetente solo perché ebbe la ventura di attraversare il ventennio fascista. Questo studio analizza criticamente l’intera opera daveroniana mettendone in luce pregi e difetti, confrontandola con il retroterra politico-letterario del primo Novecento in Italia e dando rilievo al notevole debito che hanno successivamente contratto con da Verona alcuni degli scrittori italiani di maggiore successo.
pagine: 800
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2350-1
data pubblicazione: Febbraio 2009
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto