Dizionario di Psicologia
20,00 €
12,00 €
     
SINTESI
Il Dizionario è nato per raccordare la tradizionale descrizione psichiatrica dei “disturbi mentali” con i dati relativi a quella che si può definire la teoria del deficit materno. La nostra specie ha allungato l’infanzia e alterato la cura parentale per procurare la dipendenza coatta dei suoi membri. Il grande collettivo che ne è scaturito, l’ha ripagata in termini di organizzazione gerarchica verticale e competitività orizzontale: meglio di ogni altro vivente, l’uomo troneggia su animali e uomini, sfruttandone le forze, gli intenti, le carni. Una tale disciplina economica non poteva che reggersi sull’incattivimento interno, ottenuto con l’inquinamento delle infanzie. La sofferenza soggettiva, tema dei manuali di diagnosi psichica, è la conseguenza dell’asservimento comunista. In assenza di una spiegazione evolutiva, la nevrosi manca di una causa e finanche di uno scopo, inducendo gli studiosi tradizionali nell’errore di non considerare il deficit materno come un evento utile, o addirittura di non considerarlo per niente. Questo libro presenta un lavoro di raccordo che trascrive le definizioni del DSM e della SWAP nei termini di conseguenze etologiche. Se il risultato è diverso dal solito, lo si deve al fatto che le cause tradizionalmente indicate, rappresentano a loro volta — nell’interpretazione dell’Autore — effetti di quella vera. Cioè artefazioni mentali utili a celare l’origine della sofferenza e a validarne la perpetuazione.Andrea Vitale, psicoterapeuta, è professore a contratto presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università “Tor Vergata” di Roma e docente didatta della Sirpidi (Scuola di specializzazione in Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicoanalitica).
pagine: 344
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-2142-2
data pubblicazione: Ottobre 2008
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto