Monologhi interiori e disidentità
16,00 €
9,6 €
     
SINTESI
Il teatro interiore, il teatro della coscienza, appare popolato da diversi attori che incarnano parti e ruoli differenti. I monologhi interiori, a dispetto del loro significato primario di “discorsi ad una sola voce”, sono caratterizzati da un intersecarsi di voci che rappresentano parti diverse della stessa persona, cioè da un’intrinseca dialogicità, che implica il concetto di disidentità. I diversi contributi presenti nel volume, provenienti prevalentemente dalla psicologia della comunicazione, propongono un’analisi linguistica qualitativa e strutturale di due novelle di A. Schnitzler (“Il sottotenente Gustl” e “La signorina Else”), in cui l’Autore usa la tecnica del monologo interiore, e di una novella di L. Pirandello (“Sole e ombra”). L’interesse si focalizza soprattutto sulle modalità linguistiche e comunicative, su come la persona parla con se stessa e di se stessa, su come si sviluppa il monologo interiore.
pagine: 280
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2121-7
data pubblicazione: Ottobre 2008
editore: Aracne
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto