La paura delle biotecnologie
7,00 €
4,2 €
     
SINTESI
Se il DNA è un codice, ovvero nient’altro che una serie di istruzioni, allora queste istruzioni possono essere lette e riprogrammate. Con questa potente metafora i ricercatori diventano manipolatori del vivente e le biotecnologie non sono altro che il loro strumento di azione. Ma cosa sono effettivamente queste biotecnologie di cui oggi tanto si parla? Come hanno fatto a invadere così prepotentemente la nostra vita quotidiana — le troviamo sui giornali, nei supermercati, nei ?lm e persino nelle pubblicità — e soprattutto, perché sono tanto temute? Per dare delle risposte il libro segue un percorso cronologico, che va dagli anni Ottanta, con il caso “mucca pazza”, che rappresenta il più grande scandalo alimentare che l’Europa ricordi, ?no ai giorni d’oggi, con il dibattito sugli OGM e sulla clonazione. Ci si trova di fronte a un racconto, dal linguaggio semplice, divulgativo e a volte ironico, che analizza gli eventi-chiave che hanno portato a quell’aspro e spesso impermeabile dibattito pubblico del quale siamo oggi spettatori. Una situazione che ri?ette un profondo e generale mutamento nel rapporto tra scienza e società, un rapporto spesso con?ittuale che ha un urgente bisogno di un nuovo modo di comunicare la scienza. Francesca Ceradini, nata a Roma nel 1971, è biologa molecolare. Dopo 12 anni di esperienza di ricerca di base, in Italia e all’estero, lavora oggi nell’ambito della comunicazione della scienza. È responsabile scienti?co di Parent Project Onlus, un’associazione che sostiene la ricerca per la distro?a muscolare di Duchenne e Becker, e collabora come freelance con diverse testate giornalistiche di scienza.
pagine: 84
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-2028-9
data pubblicazione: Settembre 2008
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto