La lingua dei romanzi di Antonio Bresciani
18,00 €
10,8 €
     
SINTESI
Il padre gesuita Antonio Bresciani (Ala 1798 – Roma 1862), figura centrale nel dibattito politico e culturale dell’ultima fase del nostro Risorgimento, è l’iniziatore del romanzo d’appendice in Italia: a partire dall’aprile 1850 pubblica le sue opere a puntate nel periodico «La Civiltà Cattolica», sfruttando abilmente il genere letterario romantico per eccellenza a sostegno della battaglia ideologica reazionaria di Pio IX. Dopo aver ricostruito le posizioni dell’autore nel dibattito sulla questione della lingua, il volume propone l’analisi linguistica della fortunata trilogia di romanzi incentrati sulle vicende della Repubblica Romana del ’48: L’Ebreo di Verona, La Repubblica Romana e Lionello o delle società segrete. Particolare attenzione è riservata alla sintassi, oscillante tra resistenze arcaizzanti e tendenze della lingua d’uso, e al lessico, che rivela la presenza di numerose ed eterogenee componenti, dalle voci letterarie a quelle dialettali, fino ai neologismi e ai forestierismi. L’immagine dell’autore che ne risulta è molto lontana da quella dell’attardato seguace del purismo a lungo tramandata dalla critica.Emiliano Picchiorri (Roma, 1980) ha conseguito il titolo di dottore di ricerca presso l’Università per Stranieri di Siena. Si è occupato di vari aspetti dell’italiano letterario, del dialetto romanesco e della lessicografia novecentesca. Collabora con l’Opera del Vocabolario Italiano alla redazione del Tesoro della Lingua Italiana delle Origini.
pagine: 332
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-2022-7
data pubblicazione: Ottobre 2008
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto