Note sul linguaggio poetico moderno russo
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
La storia della poesia russa moderna ha una data d’avvio quasi precisa: l’inizio degli anni Trenta del Settecento. Comincia con lo studio e con l’imitazione creativa della grande tradizione culturale dell’Altra Europa, in particolare della Francia e della Germania, e in pochi decenni trova una sua strada originale. Presto, negli anni Venti dell’Ottocento, si sviluppa la straordinaria personalità di Aleksander Pu?skin e assieme a lui e dopo di lui, tutta una serie di poeti di grande statura artistica: Lermontov, Tjutcev, Blok, Majakovskij etc. Questa illustre galleria ha attirato l’attenzione di numerosi critici che hanno prodotto importanti materiali per l’approfondimento di questo patrimonio. Un settore non adeguatamente considerato dalla ricerca risulta quello relativo alla componente espressiva; il presente lavoro si propone come un contributo allo studio del linguaggio poetico moderno russo.Danilo Cavaion, nato nel 1935, attualmente docente di lingua e letteratura russa nell’Università di Padova, ha in precedenza insegnato negli atenei di Udine e di Verona. Ha dedicato la sua attività di ricerca alla letteratura e alla cultura russa dell’Ottocento e del Novecento, pubblicando alcuni lavori come: Letteratura e acculturazione in Russia (un protagonista: Pietro ?Caadaev); N. Leskov; La letteratura russo ebraica; Racconto e parabola in Leone Tolstoj; “La carne” di Vladimir Narbut e altri.
pagine: 276
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-1985-6
data pubblicazione: Agosto 2008
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto