Il Vangelo secondo Marco
57,00 €
     
SINTESI
La tradizione ecclesiale è unanime nell’attribuire a Marco, discepolo di Pietro, il secondo vangelo canonico. Nonostante l’importanza di tale autorevole attestazione, nella successiva tradizione patristica il secondo vangelo è stato considerato come un’opera di seconda mano, poiché si condivideva l’opinione che Marco fosse posteriore a Matteo e dipendente da esso. Tale giudizio si mantenne inalterato nei secoli successivi: il secondo vangelo continuò a essere ritenuto il più povero dal punto di vista sia dottrinale sia letterario. Ma è proprio vero che il Vangelo di Marco, rispetto agli altri vangeli, è il più dimesso, il più scarso di vocaboli, quello letterariamente inferiore? A un attento esame dei vangeli tale ingeneroso giudizio non corrisponde a verità: il secondo vangelo è il più breve, ma non il più povero. Il lessico di Marco è formato da 1.312 vocaboli, su un totale di 11.216 parole, corrispondente, cioè, all’11,69% del totale. Si tratta del più alto rapporto percentuale rispetto agli altri evangelisti. La nuova traduzione di Alessandro Belano, ricca di note esegetiche e corredata da paralleli tratti dalla letteratura classica e rabbinica, si propone di esaminare questo singolare vocabolario marciano mediante una dettagliata analisi filologica, ideata come utile sussidio a quanti – studenti e lettori eruditi, ma anche docenti ed esegeti – intendono affrontare lo studio scientifico del secondo vangelo.
pagine: 1176
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-1839-2
data pubblicazione: Maggio 2010
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto