Le pietre d’inciampo
13,00 €
7,8 €
     
SINTESI
Nonostante gli scandali siano percepiti come una presenza invadente e invasiva nella società contemporanea, le scienze sociali non hanno ancora prodotto sforzi sistematici significativi per la comprensione del fenomeno. Il volume intende contribuire allo sviluppo e al rilancio della sociologia dello scandalo inquadrando questo nella prospettiva innovativa dei meccanismi sociali. Ciò in coincidenza con la ripresa di un “ciclo dello scandalo” piuttosto virulento, come mostrano le recenti Bancopoli, Calciopoli, Vallettopoli solo per citarne alcuni. Il fenomeno è qui affrontato rigettando i soliti luoghi comuni con l’obiettivo di trovare, quando possibile, spiegazioni controintuitive al funzionamento dello scandalo e alle sue conseguenze, analizzando le principali dinamiche che si determinano tra gli attori in campo e le strategie di drammatizzazione e di controllo da questi attuate. Ne emerge una distinzione tra scandalo–come–evento e pratiche meno “nobili” quali lo scandalismo, il sensazionalismo e la provocazione. Certo oportet ut scandala eveniant ma occorre anche riflettere sui “come” e sui “perché”. Cristopher Cepernich è ricercatore e insegna Sociologia della comunicazione alla facoltà di Scienze politiche dell’Università di Torino. Tra le sue pubblicazioni: Società e movimenti (con L. Berzano) Esselibri–Simone, 2003; La notiziabilità dell’Europa. Attori, eventi e temi nella copertura della stampa (1992–2002), in La costruzione mediatica dell’Europa (a cura di C. Marletti e J. Mouchon), FrancoAngeli, 2005; Landscapes of immoralities. Scandals in the Italian press (1998–2006), in «Perspectives on European Politics and Society» (9) 1, Routledge, 2008.
pagine: 232
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-1641-1
data pubblicazione: Aprile 2008
editore: Aracne
collana: Studi di storia, teoria e scienza politica | 2
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto