Il contributo della teoria manageriale allo sviluppo delle aree protette
18,00 €
     
SINTESI
La globalizzazione, oltre alla concorrenza tra le imprese, sta stimolando anche la competizione tra i territori per l’accrescimento del valore presente in un’area attirando risorse esterne o favorendone la generazione endogena. Il territorio viene a qualificarsi al pari di un’impresa, necessitando di strategie gestionali, risorse, organizzazione, attività. Particolare è il caso delle aree protette, che generalmente presentano un minore grado di sviluppo economico rispetto alle aree urbane o quelle a maggiore vocazione industriale, e sono interessate a particolari fenomeni sociali tra i quali l’abbandono. Nel presente lavoro si analizza il caso del distretto turistico—culturale del Cilento, in provincia di Salerno, nel tentativo di definire una metodologia mutuata da un approccio manageriale da implementare nella definizione di un piano di sviluppo strategico di un’area protetta.Carlo De Falco è docente di Marketing territoriale presso l’Università degli Studi “Magna Græcia” di Catanzaro. Dopo il dottorato di ricerca in Scienze aziendali, si è dedicato allo studio dello sviluppo dei territori presso il Centro Interdipartimentale “Alberto Calza Bini” dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”.
pagine: 224
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-1581-0
data pubblicazione: Gennaio 2008
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto