La carne
8,00 €
4,8 €
     
SINTESI
Vladimir Narbut ha iniziato la sua carriera di poeta come sodale del gruppo acmeista, producendo pochi ma significativi testi. Impegnato direttamente nella rivoluzione d’Ottobre, fece una rapida carriera politica presto conclusasi in un lager staliniano. Tra le sue opere poetiche la raccolta La carne è unaninemente riconosciuta come il suo capolavoro. Versi scabri, a volte molto duri, quelli di Narbut, eppure animati da autentico vigore poetico, capace di risolversi in grandi slanci lirici. L’opera di Narbut non ha conosciuto prima una versione italiana, anche molto parziale. Con questo volumetto confidiamo di rimediare almeno in parte a questa assenza.Danilo Cavaion, nato nel 1935, ha insegnato a vario titolo nelle università di Udine, Verona, Padova. Nel presente è professore ordinario di Lingua e Letteratura russa nell’ateneo patavino. Ha dedicato i suoi studi alla letteratura e alla cultura russa dell’Ottocento e del Novecento, pubblicando, tra l’altro, i saggi: Letteratura e acculturazione in Russia. Un protagonista: Pietro Caadaev (1971), N.S. Leskov (1974), Memoria e poesia. Storia e letteratura dell’Ebraismo russo moderno (1990), Racconto e parabola in Leone Tolstoj (2004).
pagine: 108
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-1520-9
data pubblicazione: Febbraio 2008
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto