Le rimanenze d’esercizio
31,00 €
18,6 €
     
SINTESI
Le rimanenze di esercizio delle imprese ricoprono una funzione complessa e del tutto peculiare nella esegesi del reddito di esercizio e del correlato capitale netto di funzionamento. Siffatte rimanenze “non finanziarie”, in particolare, nel reddito contribuiscono alla “causa” della competenza economica — che richiede di emendare costi sostenuti e ricavi conseguiti nell’anno — tramite rinvio al futuro di taluni valori e nel capitale acquisiscono dal reddito costi e ricavi sospesi — quali valori che “residuano” dopo lo svolgimento di ciascuna gestione annuale — per volgerli a favore delle produzioni future. Il presente volume, nella specie, ha inteso cogliere le predette rimanenze d’esercizio in tre distinti profili di studio: quello teorico, volto all’inquadramento del ruolo da esse ricoperto in seno alle “tradizionali” strutture di reddito e capitale di matrice Zappiana; quello pratico, dedicato all’esame del trattamento riservato loro, anche in termini evolutivi, nell’ambito della contabilità generale; quello normativo, o di bilancio, che ha consentito di indagare le modalità di rappresentazione e valutazione riscontrabili nei diversi regimi italiani del bilancio d’esercizio, sia attuali che prospettici. Il lavoro si rivolge ai lettori assumendo peraltro due prerequisiti di consultazione: la conoscenza del sistema di interpretazione dei fatti gestionali coniato dal prof. Aldo Amaduzzi e la conoscenza del meccanismo della partita doppia. L’analisi trasversale in via di presentazione, dunque, intende essere occasione di rilettura complessiva del ruolo di criticità assunto dalle rimanenze d’esercizio nei tre ambiti sopra accennati, anche al fine di poterne meglio evidenziare le più recenti tendenze contabili e di bilancio. Il riferimento è, segnatamente, non solo all’introduzione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS ma anche alle rimarchevoli proposte di riforma promananti da vari organismi come, ad esempio, l’OIC, per ciò che attiene alla disciplina civilistica del bilancio di esercizio, e lo IASB, per ciò che attiene ad appositi IFRS dedicati alle piccole e medie imprese.Tiziana De Cristofaro è ricercatrice confermata di Economia aziendale presso la Facoltà di Economia di Pescara dell’Università degli Studi “G. d’Annunzio” di Chieti–Pescara. Insegna Economia aziendale e Ragioneria generale e applicata I nell’ambito del Corso di laurea in Economia e commercio della medesima Facoltà. Autrice di pubblicazioni aventi ad oggetto il bilancio d’esercizio delle imprese, conduce la propria attività di ricerca in seno al Dipartimento delle Scienze aziendali, statistiche, tecnologiche e ambientali del predetto Ateneo.
pagine: 616
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-1499-8
data pubblicazione: Dicembre 2007
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto