La narrativa di Doris Lessing
Strategie e metafore per un impegno
7,00 €
4,2 €
     
SINTESI
Le teorie evoluzionistiche racchiuse nel darwinismo, lungi dall’assurgere a visione generale del mondo, rappresentano esse stesse un dogma. Essendo paradossalmente vero che non vi è scienza che non costruisca le sue teorie, partendo da idee metafisiche e filosofiche, va da sé l’impossibilità di razionalizzare appieno il contenuto degli assiomi cristiani. Scientismo è allora riduzionismo. Il recupero del fondamentalismo biblico scaturisce dalla semplice verità che non vi è alcun modo di dimostrare scientificamente che Dio non esiste. È proprio a un’estetica della trascendenza che approda l’esplorazione di Doris Lessing in cui confluisce anche la dottrina dell’umanità eliotiana, secondo la quale il bene è possibile grazie al dono della solidarietà tra i simili, della comunione che trascende le piccole meschinità individuali per produrre, a un più alto livello, l’armonia e una voce in grado di dialogare con il divino.Miriam Sette è ricercatrice di Letteratura Inglese e svolge la sua attività presso il Dipartimento di Scienze Linguistiche e Letterarie dell’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti–Pescara. Ha pubblicato saggi e articoli su Jane Austen, George Eliot, William Butler Yeats, Jean Rhys e Doris Lessing. Ha curato una raccolta di racconti gotici da Horace Walpole a Mary Shelley dal titolo Amori e rovine (Tracce, Pescara 2000). È autrice del volume George Eliot: il corpo della passione. Aspetti della corporeità nella narrativa dell’ultima fase (Campus, Pescara 2004).
pagine: 104
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-1374-8
data pubblicazione: Ottobre 2007
editore: Aracne
collana: Studi di Anglistica | 7
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto