L’ingiustizia della subordinazione intellettuale
7,00 €
4,2 €
     
SINTESI
Pubblicata nel 1799, la Lettera alle donne d’Inghilterra appartiene alla piena maturità di Mary Robinson (1758–1800). Attrice e cortigiana prima, poetessa e donna di lettere poi, la famosa “Perdita” vive oggi una stagione di straordinaria rinascita che l’ha eletta figura emblematica del Romanticismo inglese. Ammirata da Coleridge e Wordsworth, vicina a Godwin e agli ambienti radicali, si vota alla causa femminile: appellandosi alle sue connazionali, elabora un’appassionata difesa dell’uguaglianza intellettuale delle donne, che diventa riflessione sul valore della scrittura come strumento di affrancamento dalla loro esclusione dalla Storia e dalla condanna al silenzio imposta da una cultura maschilista e patriarcale. Ispirata dalla celebre Vindication dell’amica Wollstonecraft, Mary Robinson compie un passo significativo lungo la via dell’emancipazione femminile, consegnando ai lettori una tra le più potenti rivendicazioni dei diritti della donna dell’Inghilterra romantica ed insieme un’intensa testimonianza di singolare modernità. Graziana Amore è dottore di ricerca e docente a contratto di Lingua inglese presso la Facoltà di Scienze Politiche di Catania. Ha compiuto studi di traduttologia e comparatistica, occupandosi della ricezione in Italia di autori come Shakespeare e Shelley. Collabora con il Dipartimento Interdisciplinare di Studi Europei e con le cattedre di Lingua inglese e Letteratura inglese della Facoltà di Lettere di Catania. È impegnata in un progetto di ricerca sulla saggistica al femminile nell’Inghilterra tra Seicento e Settecento.
pagine: 104
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-1362-5
data pubblicazione: Ottobre 2007
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto