Singolarità spaziotemporali
13,00 €
     
SINTESI
Tra le meraviglie dell’Universo, i buchi neri sono forse quelle più intriganti e misteriose. Negli ultimi dieci–venti anni la letteratura divulgativa ha portato questi oggetti all’attenzione del pubblico, ma troppo spesso si è sorvolato o evitato di affrontare un aspetto fondamentale: in altre parole, che queste “cose” non sono né buchi né neri, ma singolarità spaziotemporali. Anche se le parole non determinano la natura delle cose, è però vero — come sottolineato da molti scienziati nel passato — che un’appropriata scelta linguistica può semplificare (o al contrario complicare o sviare) la strada nella comprensione della natura. La metafora “buco nero” ha avuto un successo e un impatto immediato, ma è necessario un “riassestamento terminologico”, per evitare di deragliare verso immagini controproducenti. Il volume parte da un contesto storico, si snoda attraverso i concetti di base della teoria della relatività e approda alla spiegazione di cosa siano realmente le singolarità spaziotemporali, al perché il termine “buco nero” sia troppo riduttivo e fuorviante, e sul perché apra una porta sull’infinito e sullo zero nella fisica. Luigi Foschini si è laureato in fisica nel 1997, in ingegneria nel 1990 e ha conseguito il dottorato di ricerca in ingegneria nel 1994. Attualmente è ricercatore a tempo determinato presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) - Istituto di Astrofisica spaziale e Fisica cosmica Bologna (IASF–Bo), dove svolge ricerche nel settore dell’astrofisica relativistica, con particolare riferimento ai buchi neri supermassivi e ai getti relativistici nei blazars.
pagine: 172
formato: 15 x 21
ISBN: 978-88-548-1352-6
data pubblicazione: Ottobre 2007
editore: Aracne
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto