Diritto naturale e globalizzazione
22,00 €
13,2 €
     
SINTESI
La globalizzazione, prodotto specifico del sistema capitalistico della produzione, presenta due versanti, uno positivo, l’altro, negativo. Da un lato, in ciò il primo aspetto, essa uniforma, a livello planetario, i comportamenti umani, dissolvendo le strutture economiche e le sovrastrutture culturali ancorate al passato, realizza, una civitas oeconomica universalis; dall’altro, in ciò il secondo aspetto, viene in considerazione il valore che la anima, vale a dire, il nichilismo. Il proprium di quest’ultimo è di essere la più alta espressione della filosofia dell’antiumanesimo. Considerato che le concentrazioni capitalistiche stanno alla attuale società civile come i feudi alla società d’Ancien Régime, ne segue la vocazione a dar luogo ad un secondo Medio Evo dai contenuti più drammatici in considerazione degli strumenti di controllo e manipolazione della persona umana messi a disposizione dalla scienza. Il giurista, in virtù della sua specifica vocazione, è chiamato sia a predisporre i valori giuridici capaci di corrispondere alla dimensione della società globalizzata, sia ad evidenziare come il nichilismo non abbia una fondazione razionale, come non sia altro che la sovrastruttura ideologica di un sistema economico informato al primato del profitto, alla conseguente relegazione dell’essere umano, nella sua qualità di prestatore di lavoro subordinato e di consumatore, a strumento di conservazione e di accrescimento del profitto stesso. Si tratta, allora, di assoggettare tale sistema a valori etico-giuridici capaci di adattare al tempo presente la filosofia dell’umanesimo, di realizzare, conseguentemente, “un degré toujours plus élevé de moralité de lumières et de bien-être”.Alberto Donati, professore ordinario di Diritto privato presso l’Università degli Studi di Perugia, è transitato, in seguito alla obsolescenza dei diritti nazionali indotta dalla globalizzazione economica, alla visione giusnaturalistica del fenomeno giuridico, la sola che consenta di pensare il diritto in termini corrispondenti alla dimensione umana. Tra i contributi pregressi: Elementa juris naturalis, ESI, 1990; La concezione della giustizia nella vigente Costituzione, ESI, 1998; Bioetica, Dio della filosofia, Dio della religione, in Bioetica, 1999, p. 668 sqq.; Etica darwiniana, in Studi in memoria di Lino Salis, Giappichelli, 2000; Volontarismo ed intellettualismo nella definizione della giustizia, in Studi in memoria di A. Giuliani, Vol. 1, ESI, 2001, p. 145 sqq.; Giusnaturalismo e diritto europeo. Human Rights e Grundrechte, Giuffrè, 2002; Lineamenti di filosofia dualistica, Perugia, Morlacchi, 2002
pagine: 424
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-1259-8
data pubblicazione: Settembre 2007
editore: Aracne
collana: Pubblicazioni della Facoltà di Giurisprudenza
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto