La nascita dello Stato burocratico moderno
8,00 €
4,8 €
     
SINTESI
La burocrazia, o meglio gli impiegati pubblici sono oggetto da tempo di critiche più o meno giustificate. Questa opera analizza nel suo complesso la formazione dello Stato burocratico moderno, radice dello Stato contemporaneo e di tutto quell’apparato che contribuisce al suo funzionamento. La Pubblica Amministrazione oggi ci appare complessa e ingarbugliata ma ha una sua ragion d’essere e, oggi più che mai, l’encomio di Pericle ai caduti ateniesi dopo il primo anno di guerra, dalle Storie di Tucidide, appare appropriato: «Noi che serenamente trattiamo i nostri affari privati, quando si tratta degli interessi pubblici abbiamo un’incredibile paura di scendere nell’illegalità: siamo obbedienti a quanti si succedono al governo, ossequienti alle leggi e tra esse in modo speciale a quelle che sono a tutela di chi subisce ingiustizia e a quelle che, pur non trovandosi scritte in alcuna tavola, portano per universale consenso il disonore a chi non le rispetta.»Corrado Cavallo, nato nel 1968, si è laureato in Scienze Politiche. Cultore della materia in Analisi comparata delle istituzioni pubbliche presso l’Università Roma TRE, si è specializzato in storia delle istituzioni e sui processi di formazione della classe politica e amministrativa pubblicando su Nuova Rassegna di legislazione, dottrina e giurisprudenza (Ed. Noccioli) tra l’altro: “Considerazioni sul problema delle funzioni fondamentali e delle funzioni proprie degli enti locali nel disegno di legge delega”, “Alcune riflessioni sul Senato federale”. Di recente ha pubblicato con Aracne due monografie tra cui Dirigenti pubblici e pubblici dipendenti.
pagine: 120
formato: 12 x 17
ISBN: 978-88-548-1241-3
data pubblicazione: Luglio 2007
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto