“Hid as worthless rite”
Scrittura femminile nell’Inghilterra di re Giacomo: Elizabeth Cary e Mary Wroth
12,00 €
     
SINTESI
Partendo da alcuni assunti fondamentali della critica femminista, questo studio è dedicato a due scrittrici inglesi attive nel periodo tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Seicento, contemporanee di Shakespeare, fra le primissime a dare alle stampe le proprie opere. Si tratta di Elizabeth Cary e Mary Wroth. La prima è autrice di un closet drama di argomento storico, The Tragedy of Mariam (Londra 1613), la seconda di un volume contenente il poema Urania e la raccolta di sonetti Pamphilia to Amphilanthus (Londra 1621).Al centro dell’indagine vi è la ricostruzione della vita e la voce di queste donne che, tra opposizioni e resistenze di padri e mariti, riescono a dare spazio alla propria vocazione, unendo espressione e ribellione. La migliore sovversione sta nel distorcere i codici, non nel distruggerli. È questa la consapevolezza che si agita dietro la loro scelta di aderire alla tradizione al fine di rinnovarla, di filtrare la realtà attraverso la memoria di altri testi per mettere a fuoco lo scarto fra le invariabili culturali del proprio tempo e le emergenti istanze femministe. Massimo Verzella ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Anglistica. È titolare di un assegno di ricerca in Letteratura inglese presso l’Università “G. d’Annunzio” di Pescara. Ha pubblicato saggi e articoli su Shakespeare, sulla narrativa vittoriana ed edoardiana (Charles Dickens, Samuel Butler, H.G. Wells), e sul teatro del Novecento (John Osborne, Edward Bond, Christopher Hampton).
pagine: 188
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-1126-3
data pubblicazione: Aprile 2007
editore: Aracne
collana: Studi di Anglistica | 6
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto