L’apriorismo metodologico come assunzione esiziale alla filosofia
Teoresi critica del pensiero di Gustavo Bontadini
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Il pensiero di Gustavo Bontadini (1903-1990) viene spesso presentato come interamente plasmato dalla tensione al metafisico, ma ciò, se può essere vero sul piano dell’ispirazione e dei fini ultimi, dal punto di vista delle priorità teoretiche non sembra corretto. Le analisi svolte nel saggio dimostrano infatti che la teoresi del filosofo milanese è dominata dalla problematica gnoseologica, soprattutto a causa dell’ineludibile funzione propedeutica che quest’ultima viene ad assumere rispetto alla costruzione metafisica. In particolare si mette in rilievo come il ruolo della dottrina epistemologica, di stretta derivazione attualistica, consista nel fondare una metafisica di stampo squisitamente aprioristico. Tale fondazione è tuttavia giudicata invalida, sia rispetto alle proprie premesse gnoseologiche, sia rispetto ai propri esiti metafisici, sulla base di un’attenta valutazione teoretica dei testi bontadiniani, che ne rivela le tante aporie e le esiziali contraddizioni.
pagine: 264
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-0987-1
data pubblicazione: Febbraio 2007
editore: Aracne
collana: Letture del Laboratorio Montessori di Teoria e Storia dell’Educazione | 11
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto