Ermeneutica giuridica e postmoderno
8,00 €
4,8 €
     
SINTESI
Il presente lavoro introduce il lettore alle tematiche classiche della teoria dell’interpretazione del diritto, o ermeneutica giuridica, ponendosi in riferimento a quel tipo di sensibilità filosofica che da qualche tempo viene definita postmoderna. Partendo dalla presentazione di autori ermeneutici come Nietzsche, Betti, Gadamer e Ricoeur, e da autori considerati postmoderni come Heidegger, Foucault e Derrida, si perviene al confronto con i problemi generali di teoria del diritto come i precedenti, le lacune e la produzione del diritto.Stefano Berni (Firenze, 1960) da alcuni anni svolge attività di ricerca presso la cattedra di Filosofia del Diritto nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Siena, dove attualmente è docente a contratto. Si è occupato a lungo delle tematiche del potere e della soggettività contemporanea con saggi e articoli apparsi su numerose riviste, fra cui «Belfagor», «Iride», «Il Ponte», «La società degli individui», ecc. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Nietzsche e Foucault. Corporeità e potere in una critica radicale della modernità (Milano, Giuffrè, 2005).
pagine: 136
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-0973-4
data pubblicazione: Gennaio 2007
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto