La scripta italoromanza del regno di Cipro
19,00 €
11,4 €
     
SINTESI
All’ultimo secolo del regno di Cipro, quando si pongono le premesse per l’annessione dell’isola da parte della Serenissima, risalgono i primi documenti di scriventi ciprioti in un volgare italoromanzo. Si tratta di una lingua eterogenea che, pur presentando un’indubbia facies veneziana, mostra un notevole grado di commistione con il francese e il greco locale, le due varietà di più lunga tradizione nel regno. Sulla base di un corpus di documenti quattrocenteschi in parte inediti, vengono analizzate le principali caratteristiche della scripta isolana, con particolare attenzione ai fenomeni d’interferenza grafica e fonomorfologica e al lessico, ricco di tecnicismi giuridici e commerciali di matrice levantina.Daniele Baglioni (Roma, 1977) è stato professore a contratto presso le Università di L’Aquila, di Cassino e di Roma “La Sapienza”. Si è occupato di fonetica storica del toscano antico e di fenomeni di contatto tra l’italiano e altre lingue nel Mediterraneo medievale e moderno. Attualmente è borsista dell’Istituto Italiano di Scienze Umane di Firenze.
pagine: 304
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-0914-7
data pubblicazione: Dicembre 2006
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto